Il presidio del 30 Novembre per KEU e BLU MAIS – come è andat, la mail per Presidente e Assessori

FACCIAMO LA FESTA DELLA TOSCANA, NON LA FESTA ALLA TOSCANA!

Con questo slogan il 30 novembre dalle 10,00 alle 12,30, giorno della “festa della Toscana” 2021 davanti al Consiglio Regionale della Toscana in Via Cavour 2 a Firenze si sono ritrovati rappresentanti di (in ordine di apparizione)

CLT COMITATO LIBERTÀ TOSCANA

COMITATO OLTRE Carmignano – Poggio a Caiano

COMITATO VIALE IV NOVEMBRE Empoli

MAT MOVIMENTO AUTONOMISTA TOSCANO

per il presidio contro il grave inquinamento della Toscana, nuova Terra dei Fuochi, in particolare per lo smaltimento illecito dei fanghi altamente tossici delle concerie di Santa Croce sull’Arno (PI) in varie parti della Toscana, inquinamento da metalli pesanti come Cromo Esavalente, una delle sei sostanze inquinanti più pericolose al mondo, altamente cancerogena.

Ecco l’annuncio che conteneva la denuncia della situazione

PRESIDIO NO KEU – NO BLU MAIS 30 NOVEMBRE ORE 10 DAVANTI AL CONSIGLIO REGIONALE

Le questioni KEU e BLU MAIS sono ancora lontane dall’essere risolte, per ulteriori notizie qui trovate un nostro articolo al riguardo

Inchiesta Blu Mais – Toscana Terra dei Fuochi

Ecco il link al nostro canale Youtube dove troverete una diretta sul posto e degli estratti con lo spazio che ci hanno dato TVR Teleitalia, Toscana TV e ITALIA 7 nei loro TG, che ringraziamo.

https://www.youtube.com/channel/UCgtJXPqaNGYuWWFSYKEGCVw

Dopo il presidio, abbiamo scritto una mail indirizzata al Presidente della Regione, all’Assessora Regionale all’Ambiente e per conoscenza all’Assessora all’Agricoltura, all’Assessore alla Salute. Eccone il testo:

Gent.mo Presidente della Regione Toscana E. Giani,
Gent.ma Assessora all’Ambiente della Regione Toscana M. Monni*
*in particolare per tutela dell’ambiente dall’inquinamento, bonifiche dei siti inquinati, ciclo dei rifiuti
e p.c. Assessora all’Agricoltura – Vicepresidente Regione Toscana S. Saccardi
Assessore alla Salute e alla Sanità Regione Toscana S. Bezzini,
A seguito del presidio tenutosi la mattina del 4 dicembre davanti alla sede del Consiglio Regionale in via Cavour 2 a Firenze, Vi scriviamo per conoscere la situazione relativa a inchieste di primaria importanza per la nostra Toscana. Vorremmo chiederVi un incontro per un confronto in merito alle 3 questioni:

1) KEU
Non stiamo qui a riassumere quanto riportato dalla stampa. Conoscete molto bene la drammatica questione dello smaltimento illecito del materiale KEU.
Dopo l’incontro di metà novembre a porte chiuse con una delegazione del comitato “Assemblea permanente no keu” alla presenza della Sindaca di Empoli.Brenda Barnini, come cittadini toscani non ci riteniamo soddisfatti:
a) della poca chiarezza e diffusione della notizia dell’incontro
b) degli esiti, delle soluzioni che non ci rassicurano sulle modalità e sulla possibilità di bonifiche.
c) delle indicazioni riguardo alla reale portata dell’inquinamento
2) BLU MAIS
Inchiesta, sconosciuta ai toscani. Altro caso di grave inquinamento! Come cittadini Toscani e rappresentanti dei Comitati sottoindicati, ci sembra importante chiederLe che sia fatta chiarezza riguardo all’utilizzo dei fanghi tossici di Santa Croce sull’Arno come fertilizzanti su 150 ettari coltivati ad uso alimentare nella provincia di Firenze e Pisa, nei territori di Castelfiorentino, Montaione, Cerreto Guidi, Fucecchio, Castelfranco di Sotto, Montopoli val d’Arno, Palaia, San Miniato.
3) INFILTRAZIONI MAFIOSE
Chiediamo che siano prese misure più efficaci per contrastare le associazioni di stampo mafioso che operano in Toscana, che risulta essere una regione particolarmente “gradita” alle mafie, come rivela il quinto rapporto sui fenomeni corruttivi e di criminalità organizzata in Toscana redatto dalla Normale di Pisa e relativo al 2020, presentato oggi 15/12/21 proprio nel corso di un evento in streaming sui social della Regione Toscana. “La proiezione criminale di organizzazioni di matrice camorristica risulta la più diffusa ed eterogenea per strategie di business criminale sul territorio regionale (38% degli eventi analizzati)”, mentre quelli “riconducibili a gruppi con una matrice ‘ndranghetista” sono il 29%. Molte di queste attività illecite avrebbero riguardato lo smaltimento rifiuti con impatti pesantissimi sul territorio toscano. Cosa stiamo facendo per difendere la terra toscana?
Chiediamo per questi motivi, un incontro a nome di Comitato Libertà Toscana, Comitato Oltre, Comitato Viale IV Novembre Empoli, Movimento Autonomista Toscano.
Un incontro aperto a tutti i delegati dei Comitati e dei Comuni interessati.
Per contatti: Marco Di Bari segretario@comitatolibertatoscana.eu cell. 3276622432
Anticipiamo qui cosa chiederemo, per avere risposte chiare e in tempi ragionevoli: 
Quali sono esattamente i terreni interessati? Sono stati tutti identificati?
Sono coltivati?
Sono messi in sicurezza? Come?
Viene impedito che i metalli pesanti penetrino nel terreno in profondità e nelle falde acquifere?
È stata rilevata e controllata l’aria delle zone inquinate? Controllato le falde acquifere? L’acqua è potabile?
Si conosce l’esatta entità del problema?
Quando sono previste le bonifiche?
Visto la dispersione di sostanze nocive nel terreno e nelle acque, è stato fatto un rilevamento statistico sulla popolazione ivi residente a proposito delle patologie ricorrenti?
È stato riscontrato un aumento di allergie o dermatiti nella popolazione?
Come è finita l’inchiesta Blu Mais?
Confidiamo in una Vostra celere risposta positiva e ringraziamo per l’attenzione.
CLT Comitato Libertà Toscana
Comitato Oltre Comuni Carmignano – Poggio a Caiano
Comitato Viale IV Novembre Empoli
Restiamo in attesa di una risposta per un incontro che sarebbe aperto a tutti i cittadini toscani.
COMITATO LIBERTÀ TOSCANA
Cristalli di CROMO
autore
Di Alchemist-hp (talk) (www.pse-mendelejew.de) – Opera propria, FAL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10125753