Registrato il Patto per la Toscana

A Pontedera, presso il notaio Anzellotti, giovedì 16 luglio, sono stati registrati gli atti costitutivi del Patto per la Toscana, la lista unitaria attraverso la quale il nostro Comitato Libertà Toscana parteciperà alle elezioni regionali che ormai sono date per certe i prossimi 20-21 settembre 2020.

Qui il comunicato stampa integrale dell’ufficio stampa del Patto per la Toscana – Roberto Salvini Presidente:

COMUNICATO STAMPA (17-7-2020)

Ufficializzata la lista

“Patto per La Toscana – Roberto Salvini presidente”

La lista del consigliere regionale uscente «è espressione della Toscana delle campagne dimenticate e delle periferie abbandonate e colma l’enorme vuoto lasciato nella gestione della Regione da una sinistra di governo incancrenita e un’opposizione sterile e buona solo a urlare di pancia»

Ieri è stata ufficializzata la lista “Patto per La Toscana – Roberto Salvini presidente” che concorrerà alle prossime Regionali del 20 settembre. Una lista espressione del consigliere regionale Roberto Salvini (gruppo misto) che, ad oggi, sarà l’unica alternativa civica alla consunto asse politico sinistra-destra Pd-Lega-Cinquestelle. La lista è espressione della Toscana delle campagne dimenticate e delle periferie abbandonate delle città e colma l’enorme vuoto lasciato nella gestione della Regione da una sinistra di governo incancrenita e un’opposizione sterile e buona solo a urlare di pancia.

«Ieri a Pontedera abbiamo registrato il simbolo – spiega Roberto Salvini, firmatario dell’atto insieme a Mauro Vaiani, presidente del Comitato Libertà Toscana, e Maurizio Pernice, attivista localista e ambientalista ed ex consigliere comunale di Collesalvetti – Nel Patto ci sono tanti apporti: liste civiche, gruppi ambientalisti, esponenti del mondo venatorio e agricolo, movimenti autonomisti, gruppi di attivismo sociale e per i valori umani (per una economia umanistica, ancorata al lavoro locale), gruppi di democratici cristiani, socialisti, liberali, alla ricerca di un’alternativa moderata nei toni, ma innovativa nei contenuti, ai due vecchi poli, con il loro personale politico vecchio: centrodestra e centrosinistra, in varie forme, sono al potere da un quarto di secolo, più o meno con le stesse facce, gli stessi carri armati, le stesse ruspe».

«L’emergenza Coronavirus ha cambiato le economie di tantissimi Paesi e la Toscana non fa eccezione – aggiunge Salvini – abbiamo il turismo bloccato e le esportazioni quasi azzerate; le partite iva sono in grosse difficoltà e lo Stato continua a drenare risorse. Rimanere ancorati vecchi schemi è perdente, ora più che mai sono necessarie nuove soluzioni».


Qui il simbolo della lista Patto per la Toscana – Roberto Salvini Presidente


Per chi vuole approfondire le ragioni con cui Comitato Libertà Toscana partecipa a questa lista unitaria, raccomandiamo di leggere questa lunga intervista al presidente Mauro Vaiani:

https://diversotoscana.blogspot.com/2020/07/toscana-come-il-trentino.html


Nella foto in alto, di commento al post, alcune delle persone che partecipano a questa esperienza unitaria:

(da sinistra, Carla Breschi, nota oncologa e consigliere comunale indipendente di Pistoia; Roberto Salvini, consigliere regionale uscente e candidato presidente, federatore del Patto; Maurizio Pernice, attivista localista e ambientalista di Livorno, già consigliere comunale Italia dei Valori a Collesalvetti e a suo tempo, nel 2015, attivista della lista del “Popolo Toscano”; Mauro Vaiani, presidente CLT; Quinto Bernardi, referente della Democrazia Cristiana storica in Toscana)